Ciclismo – La Preparazione Invernale (2)

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Article Index
CICLISMO – La preparazione invernale (2)
Page 2
All Pages

Con il proseguire della preparazione con i pesi, e via via che si avvicina la bella stagione, è bene incrementare il lavoro svolto in bicicletta o sui rulli (se disponibili), oppure sulla cyclette in palestra (uscire con la bicicletta all’aperto può essere ancora difficile in quanto il meteo può fare le bizze e il tempo a disposizione può essere limitato anche per le poche ore di luce ancora disponibili.

Via via che si utilizzerà più spesso la bicicletta, è bene non abbandonare completamente il lavoro di forza. Sopratutto nella prima fase, quella che si può far coincidere con il tardo inverno, inizio primavera, quando la stagione è all’inizio. In questa fase della preparazione è bene fare ancora qualche allenamento per la forza con i pesi per evitare di perdere la forza incrementata fino ad ora.
Tra un allenamento con i pesi e l’altro, è meglio non far passare più di 10 giorni.

Primo periodo. Il periodo da dedicare al condizionamento generale

Coincide con il primo periodo della preparazione.
Per condizionamento generale si intende svolgere una serie di lavori che coinvolgano i grandi sistemi organici impegnati nel ciclismo:

Il metabolismo energetico maggiormente stimolato è quello aerobico.

In questa fase sono da perseguire ritmi di pedalata blandi, su percorsi prevalentemente pianeggianti, mantenendo una frequenza di pedalata ed un rapporto che consenta un elevato grado di agilità.
Verrà stimolato il metabolismo aerobico ed i grassi saranno la principale fonte di energia. Per ottenere questo, le pulsazioni cardiache devono essere mantenute basse, mediamente intorno ai 120 bpm circa, in modo anche da avere un basso consumo di ossigeno.

Dati questi presupposti, anche per il fatto di essere abbastanza tranquilli, senza ricercare la spinta sui pedali e la foga di andare forte, è possibile concentrarsi sulla tecnica della pedalata: cercando la pedalata rotonda.

Se proprio non volete vincolarvi a seguire una tabella di allenamento precisa, con orari, distanze, etc., magari per il fatto che le attività della vostra vita quotidiana non ve lo permettono, non preoccupatevi. Potete anche seguire il vostro istinto e la vostra voglia di fare, purché comunque seguiate dei principi basilari.

La progressività del carico

E’ il principio base per tutte le preparazioni atletiche. Applicata a questo contesto significa, le prime volte cercare di dedicare un’ora circa alle uscite in bicicletta. Via via, incrementare la durata, fino ad arrivare a circa due ore.

Se fino ad ora vi siete concentrati principalmente sul lavoro continuo, ora è possibile inserire qualche breve scatto, o qualche ripetuta su brevi distanze dove ci si può concentrare sulla forza resistente, andando a spingere un rapporto non troppo agile, che non consenta una “normale ” frequenza di pedalata, ma che la rallenti. Sempre in base a questo principio, è possibile affrontare qualche breve salita (fare degli strappetti).
(questo lavoro ha lo scopo di “richiamare” il lavoro svolto precedentemente in palestra.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 480 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*